12 Maggio 2016

Piano City Napoli

VI edizione: 5 – 6 – 7 Aprile 2019Sito Ufficiale Piano City Napoli

piano-city-napoli-2018

Piano City è un Festival pianistico internazionale ideato dal pianista berlinese Andreas Kern e organizzato secondo un format internazionale già realizzato con successo a Berlino, Milano e Napoli (2013, 2014, 2015, 2016, 2018) e in fase di implementazione in vari paesi europei ed extraeuropei. Per tutto l’arco di un week end si susseguono una serie di eventi che ruotano intorno allo strumento a 88 tasti: circa 250 concerti organizzati presso locations di rilevanza storico-artistica, affiancati da house-concert (almeno 60), ospitati nei salotti napoletani, ed un evento inaugurale di grande visibilità mediatica.

Piano City Napoli 2019 è organizzato dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli in collaborazione con l’associazione NapoliPiano, e con il supporto dell’antica Ditta Alberto Napolitano Pianoforti di Piazza Carità, con l’intento di valorizzare il sistema musicale campano, promuovere la cultura pianistica in tutte le sue forme ed espressioni, coinvolgendo giovani artisti al fianco di pianisti di valore nazionale ed internazionale, implementando l’offerta di turismo culturale.

Piano City Napoli con il coinvolgimento di 700 pianisti, oltre ad appassionati, studenti, professionisti, aperto a qualsiasi genere musicale, è ormai diventato un appuntamento atteso ogni anno dal mondo pianistico regionale e non, ed è accolto da un pubblico sempre più numeroso. Il Festival abbraccia l’intera città metropolitana in un week end pianistico. Musica, arte e spettacolo in 55 locations e 60 appartamenti, installazioni, street art ed opere con il pianoforte da protagonista.

Per questa edizione è stato ideato un grande progetto che si svolgerà in due edizioni (2019 e 2020) e prevede l’esecuzione integrale live di tutte le 550 sonate di Domenico Scarlatti. Un’esecuzione in prima mondiale che si svolgerà aspettando Piano City Napoli 2019, dal 1 al 6 Aprile.
Ad esibirsi saranno gli allievi dei Conservatori e pianisti professionisti nella Sala Scarlatti del Conservatorio di Napoli San Pietro a Majella.

La location principale, il Castel Nuovo – Maschio Angioino, ospiterà nelle sue splendide sale  i concerti e gli eventi più importanti del Festival.
Molte altre note sedi contribuiranno a far giungere la musica del pianoforte nei luoghi più simbolici della città (Complesso di S. Domenico Maggiore, ilCartastorie-Archivio Storico del Banco di Napoli, Chiesa dei SS. Severino e Sossio, Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano, Conservatorio San Pietro a Majella, Teatro San Carlo, Palazzo del Pio Monte della Misericordia, Palazzo Fondi, Cassa Armonica in villa comuncale, Mappatella Beach, Cimitero delle Fontanelle, Museo Cappella Sansevero, Università degli Studi di Napoli Federico II, Napoli Ebraica. Institut Francais e molte altre).

Fondamentali per il successo dell’iniziativa sono anche le collaborazioni con le istituzioni e gli enti (FAI, Comune, Istituti di Cultura, Università, Aeroporto Internazionale di Napoli, Agenzie turistiche specializzate in esperienze culturali e musicali, strutture ricettive del capoluogo).

Piano City rende Napoli – città con tradizione secolare sia di scuola pianistica che di produzione di strumenti musicali – un emozionante palcoscenico per il pianoforte ed i suoi infiniti possibili repertori, fruibile da un pubblico ampio e vasto. Oltre ad avere una virtuosa ricaduta culturale ed economica, promuovendo il sistema musicale e pianistico in tutte le declinazioni, il Festival coniuga tradizione e innovazione, traducendosi in una grande opportunità turistico- culturale per l’intero capoluogo.

Piano City accende un riflettore sull’intera città di Napoli che ospita l’evento, promuovendo l’immagine del suo patrimonio storico e culturale, della sua tradizione musicale, ed in particolare di quella pianistica, nei mercati internazionali. Il Festival rappresenta un’occasione straordinaria per valorizzare l’eccellenza della scuola pianistica napoletana e per rivitalizzare gli spazi artistico/architettonici della città.